La carbonaia

Immagine anteprima YouTube

Era un mio sogno e grazie all’amico Mariano si è avverato .                                                   Finalmente ho potuto visitare una carbonaia .  Una vera, non quelle allestite nei musei per ricordare il passato!

Qualche giorno fa grazie a Mariano e alla disponibilità del suo amico Tonino ho potuto vedere dal vivo quelle che sono le prime fasi per la costruzione di una carbonaia.

Tonino, forse l’unico carbonaio sul nostro Gargano, ha imparato la fabbricazione dei carboni  dal padre che svolgeva questa attività tutto l’anno nei boschi del Gargano.

Viene utilizzato, come nel passato,  il legno di Cerro -Quercus cerris-, per la grande disponibilità, anche se il Leccio -Quercus ilex- produrrebbe un carbone qualitativamente migliore.

La prima fase è la costruzione di  un cumulo di legname a forma di cono,  come si osserva nel filmato, con un camino interno verticale che ospiterà la brace per dare inizio alla combustione.

Prima di iniziare la combustione il cono viene coperto  di paglia e poi di uno strato di circa 20 centimetri di terra.

Attraverso la terra verranno praticati dei fori per permettere l’accesso, anche se limitato, di aria per la combustione  e la fuoriuscita dei fumi.

Il processo della lenta combustione  dura circa 2 settimane e se tutto si è svolto correttamente si ottiene un buon  carbone oggi utilizzato sopratutto per il  barbecue.

Negli anni sessanta , a casa mia,  il carbone veniva bruciato nel braciere che, nel centro della casa, era l’unica fonte di riscaldamento e mezzo per arrostire il pane  che con un po’ d’olio d’oliva era la frugale cena della mia famiglia.

Un bel tuffo nel passato!!

Scritto nel Maggio 2012

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Print
  • PDF
  • email