Orchidee

La loro origine viene fatta risalire al tardo Cretaceo, tra i 76 e gli 84 milioni di anni fa.

Diffuse, con un numero di specie superiore alle 20.000, su tutta la superficie terrestre ad esclusione dei deserti e le zone polari .

Le  orchidee sono piante erbacee perenni con una parte ipogea, di forma diversa in ralazione ai Generi, con la funzione di ancoraggio, di assorbimento e di immagazzinamento.

Il fiore formato da 6 tepali, tre esterni e tre interni di cui quello mediano chiamato labello.

I semi , piccolissimi, non contenendo sostanze nutritive possono germogliare solo unendosi nel terreno a minuscoli funghi che ne stimoleranno la crescita fornendo loro il nutrimento necessario.

Le orchidee europee utilizzano la riproduzione sessuata per mezzo di Imenotteri,  Lepidotteri  e Ditteri.

Le strategie per attirare gli impollinatori sono molteplici .

La più particolare è l’attrarre l’insetto maschio con la produzione di odori simili a quelli dei ferormoni emessi dalle femmine .

Delle 230 specie presenti in Italia circa 88 sono presenti sul nostro promontorio.

Sul Gargano è possibile osservare questi straordinari fiori in tutto il periodo primaverile – estivo.

Unica specie  che fiorisce in settembre – ottobre la Spirantes spiralis.

Ringrazio l’amico Michel per la foto della rara Gymnadenia conopsea.

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Print
  • PDF
  • email